Climatizzazione: come funziona l’impianto di climatizzazione negli hotel

Negli ambienti in cui il passaggio di persone è molto frequente e l’aria rischia di essere stantia e favorire il proliferare di batteri e di odori sgradevoli, la soluzione sono gli impianti di ricircolo dell’aria e di climatizzazione.

Climatizzazione negli Hotel: come devono essere gli impianti

La questione è abbastanza semplice: in un ambiente come un albergo, soprattutto se è una struttura di lusso, è necessario mantenere un livello di gradimento e di benessere molto alto. E di certo l’aria che si respira è fondamentale perché questa condizione di verifichi. Motivo per cui sono stati creati dei sistemi di impianti per il ricircolo dell’aria e per il condizionamento nei grandi spazi che hanno preso il nome di impianti aeraulici. 

Le due componenti fondamentali di un impianto aeraulico sono il motore, da cui l’aria viene mandata in circolo e i canali dell’aria, che fungono da vene in grado di distribuire aria nuova in tutta la struttura. Grazie a questi canali infatti è possibile non solo avere un continuo ricircolo dell’aria all’interno di tutto l’ambiente, ma anche controllare la temperatura nella struttura. Si potrà avere quindi la possibilità di raffrescare l’ambiente nelle stagioni calde e, viceversa, di riscaldare durante il periodo invernale.

I canali dell’aria non passano soltanto nelle aree comuni di un albergo; infatti la diramazione di questi è studiata in modo tale da arrivare ad ogni singola stanza presente nell’albergo in modo da fornire climatizzazione a tutta la struttura.

Non è l’unico impianto di climatizzazione presente nell’albergo però. Cè anche la possibilità di ottenere un tipo di climatizzazione autonoma.

La manutenzione ordinaria dei climatizzatori

climatizzazione

La pulizia condizionatori è un procedimento di manutenzione ordinaria casalinga necessaria a evitare il formarsi di forme batteriche.

Come impianto, quello di condizionamento dell’aria, nasce per raffreddare un ambiente. Con i sistemi in pompa di calore però, è diventato probabile anche il riscaldamento di un ambiente tramite un impianto di condizionamento.

Questo rende ancora più importante la manutenzione periodica degli impianti. La formazione di sporco e polvere è il minore dei problemi legati al funzionamento dei climatizzatori. Come in tutti i punti della casa, anche dentro agli split la formazione di forme batteriche è naturale.

L’ambiente umido presente all’interno dei climatizzatori, favorisce la proliferazione di batteri. Uno tra tutti è il batterio della legionella, che in Italia ha una casistica di contagio da non sottovalutare. La soluzione che risolve il problema dei batteri è la manutenzione costante, che in questo caso consiste nella pulizia condizionatori.

La pulizia dei condizionatori è un processo che può essere fatto autonomamente, nei casi di ordinaria manutenzione della casa. Il condizionatore è composto da filtri che si possono facilmente pulire attraverso l’uso di normali detergenti, facilmente acquistabili e reperibili in qualsiasi supermercato. Nei casi più complessi invece, come nel caso della climatizzazione di un hotel, è bene affidarsi alle mani esperte di un tecnico che, attraverso dei processi chimici, assicurerà l’eliminazione di tutti i batteri, compresi quelli portatori di agenti patogeni e contaminanti. Oltretutto è possibile, oltre alla pulizia condizionatori, avere la garanzia di prevenire la possibilità di formazione di alcuni batteri patogeni quali la legionella, attraverso l’uso di speciali pasticche.


Lascia un commento